ARCHIVIUM
strumenti
per una
educazione
migliore

Atene e la Lega di Delo

Ruolo della Lega di Delo contro la minaccia persiana

La Lega di Delo

Nonostante le sconfitte inflitte all'esercito persiano a Salamina, e poi l'anno successivo a Platea e nei pressi del promontorio di Micale, gli ateniesi vivono sempre nell'incubo di nuove invasioni. Sotto la guida di Temistocle ricostruiscono la città, fortificano il porto del Pireo e spinti dal generele Aristide danno vita alla Lega di Delo. In altre parole le città marittime dell'Attica, dell'Egeo, della Ionia e della Tracia si impegnano in un'alleanza con Atene versando un contributo o fornendo navi, mentre la stessa Atene avrebbe avuto il comando nelle azioni di guerra e il controllo della flotta. Gli aderenti a questa confederazione si riuniscono una volta all'anno nel santuario di Apollo nell'isola di Delo. La Lega ha il compito di mantenere efficiente la flotta da guerra allo scopo di difendersi meglio, se tutti uniti, dalla minaccia persiana.

.

p> Dopo la morte di Aristide, il potenziamento e lo sviluppo della Lega sono da attribuirsi a Cimone che consolida la supremazia navale ateniese e nel 466a.C., sulle coste meridionali dellAsia Minore si scontra una flotta persiana pi numerosa della sua, sconfiggendola.

L'ascesa di Pericle

In questi anni si sta facendo strada nel panorama politico ateniese Pericle, un nobile di principi democratici, che si trova in contrasto con Cimone che é a capo della fazione aristocratica. Secondo Pericle infatti, bisogna liberarsi dall'invadenza spartana, che minaccia di offuscare il prestigio di Atene, mentre Cimone é sostenitore di una pacifica convivenza con gli Spartani che, in caso di necessità, possono essere dei validi alleati. Alla fine prevale la corrente di Pericle che dal 460 a.C. per un trentennio, ricopre la carica di stratega.

Se non hai trovato quello che ti interessa, scrivi alla Giò (riassuntidigio@gmail.com) per avere un riassunto fatto per te!

vai al riassunto: oppure al: