ARCHIVIUM
strumenti
per una
educazione
migliore

Origini della Lingua Italiana

Le lingue che derivano dal latino sono sei: il portoghese, lo spagnolo, il francese o lingua d’oil, il provenzale o lingua d’oc, il rumeno e l’italiano.

Con le invasioni barbariche si allontanano i vincoli che avevano tenuto insieme le varie parti dell'Impero, in cui il latino si era evoluto in ogni provincia in modo diverso. E all'interno di ogni provincia assistiamo ad una ulteriore divisione tra lingua parlata e scritta. Coloro che scrivevano, usano una continuazione del latino antico, mentre coloro che parlavano adoperavano parlate locali, che sempre più si allontanavano dal latino.

I secoli delle origini sono il 1200 e il 1300. Le lingue che derivano dal latino sono sei: il portoghese, lo spagnolo, il francese o lingua d'oil, il provenzale o lingua d'oc, il rumeno e l'italiano. I principali mutamenti dal latino in volgare furono:

  • la perdita del neutro
  • .

    p>

  • la perdita dei casi sostituiti dalle preposizioni
  • l'aggiunta dell'articolo
  • una nuova forma di futuro

I Primi Documenti

É del 960 la carta capuana, un documento notarile che tratta una questione di proprietà fra l'abate di Montecassino e un tale Rodelgrimo d'Aquino. Il documento é in latino ma il giuramento é ormai in volgare. É del 1150 il ritmo laurenziano, la cantilena di un giullare toscano in onore di un vescovo di Osimo. É della fine del XII secolo il ritmo cassinese un dialogo in versi intorno alla vita celeste e alla vita terrena.

Se non hai trovato quello che ti interessa, scrivi alla Giò (riassuntidigio@gmail.com) per avere un riassunto fatto per te!

vai al riassunto: oppure al: