ARCHIVIUM
strumenti
per una
educazione
migliore

Matilde, di Roald Dahl

Matilde é una bambina molto intelligente. Ha imparato a leggere all’età di tre anni....

Matilde é una bambina molto intelligente. Ha imparato a leggere all'età di tre anni e a quattro ha già finito tutti i libri della biblioteca della cittadina dove vive. I libri le fanno conoscere mondi nuovi e le fanno conoscere persone straordinarie. Al contrario suo padre e suo fratello Michele non erano davvero interessati alla lettura e la consideravano una bambina molto strana. Sua mamma passava i pomeriggi a giocare a bingo e suo papà era un piccolo imbroglione. Matilde avrebbe voluto dei genitori diversi dolci e gentili, ma non era così e del resto lei aveva escogitato degli scherzi da fare al padre perché così facendo riusciva a calmare per qualche giorno il suo caratteraccio.

Matilde va a scula a cinque anni e mezzo, un pò in ritardo rispetto agli altri bambini perché i suoi genitori si erano dimenticati di iscriverla a scuola. La direttrice della scuola era la signorina Spezzindue, un donnone che terrorizzava alunni e insegnanti, mentre la sua maestra era la signorina Dolcemiele una personcina dolcissima che si accorge subito delle eccezionali doti di Matilde: la bambina infatti era capace di eseguire i calcoli, per quanto complessi fossero,con una velocità prodigiosa.

La signorina Dolcemiele aveva proposto alla direttrice di spostare Matilde in quinta, ma questa rifiuta. Matilda in prima si annoia da morire tanto che la sua intelligenza deve uscire da qualche parte e decide di uscire dagli occhi. Matilde scopre che fissando gli oggetti riesce a muoverli e approfitta di questa dote per fare degli scherzi alla terribile direttrice.

La signorina Spezzindue era in realtà la zia di Dolcemiele, che l'aveva cresciuta dopo la morte della mamma. Quando anche il padre di Matilde muore, in circostanze alquanto dubbie, la signorina Spezzindue si insedia definitivamente nella bella casa di Dolcemiele e la costringe a rifugiarsi in una casupola per sfuggire alle sue angherie. Matilde decide che questo é troppo deve aiutare la signorina Dolcemiele a riavere la sua casa , magari può fare qualcosa sfruttando le sue capacità. Matide si allena molto a spostare gli oggetti e quando la direttrice fa una ispezione nella classe di Matilde, con il pensiero riesce a far scrivere con il gesso sulla lavagna il nome del padre di Dolcemiele, Magnus, facendole credere che sia tornato per chiedere vendetta. Terrorizzata la direttrice abbandona la scuola e da quel giorno non da più notizie di sè. Anche i genitori di Matilde fuggono inseguiti dall'FBI a causa di imbrogli fatti dal padre, e la signorina Dolcemiele adotta Matilde.

Se non hai trovato quello che ti interessa, scrivi alla Giò (riassuntidigio@gmail.com) per avere un riassunto fatto per te!

vai al riassunto: oppure al: