ARCHIVIUM
strumenti
per una
educazione
migliore

Crociate

Le crociate sono una serie di spedizioni militari compiute contro i Turchi....

Le crociate sono una serie di spedizioni militari compiute contro i Turchi, tra il 1096, data della prima crociata, fino al 1270, data dell'ultima crociata. Provenienti dal Turchestan, regione al di là del Mar Caspio, i Turchi sono riusciti in pochi anni ad impadronirsi della Siria, dell'Armenia e di tutta l'Asia Minore. Quando nel 1071 i Turchi riuscirono ad occupare la Palestina, i popoli cristiani ritenevano che fosse un oltraggio che la terra dove era vissuto Gesù, fosse in mano agli infedeli. Il primo appello fu lanciato da Urbano II nel 1095, gran parte della società europea rispose alla chiamata unendo numerose forze costituite da cavalieri alla ricerca di fama e ricchezza, sovrani in cerca di riconoscimenti per il loro ruolo di protettori della cristianità, pellegrini che volevano portare la parola di Gesù. Si calcola che in una spedizione antecedente alle crociate vere e proprie, morirono circa 25000 cristiani guidati dal monaco Piero l'Eremita e dal cavaliere Gualtieri Senza Denari. L'anno successivo si formò un grande esercito, agli ordini di Goffredo da Buglione, i principi normanni Boemondo di Taranto e Tancredi d'Altavilla, Raimondo conte di Tolosa, il fratello del re di Francia, il fratello del re d'Inghilterra e molti altri feudatari. Ebbe così inizio la prima crociata detta così perché tutti i partecipanti avevano una croce sullo scudo. Gli scontri tra l'esercito turco e i crociati fu violentissimo, e dopo una serie di scontri che durano circa due anni, i crociati entrano a Gerusalemme.

In Palestina rimasero pochi crociati che non erano certo in grado di sopportare a lungo gli attacchi dei turchi, fu così organizzata una seconda crociata sotto il comando del re di Francia, Luigi VII e dell'Imperatore di Germania Corrado III. Nel 1147 i tedeschi furono sconfitti dai turchi, e qualche tempo dopo anche ai francesi toccò la stessa sorte. Nel 1148 quel che rimaneva dei due eserciti congiunti tornò in Europa, con un grosso insuccesso.

Nel 1187 si sparse in Europa la notizia secondo la quale Gerusalemme sarebbe stata conquistata da Saladino, sultano dell'Egitto.

Alla notizia i più potenti sovrani dell'epoca, l'Imperatore di Germania Federico Barbarossa, il re d'Inghilterra Riccardo Cuor di Leone, cinsero d'assedio San Giovanni d'Acri, sulla costa settentrionale della Palestina, terza crociata. Grazie all'aiuto delle flotte genovesi e pisane, le truppe crociate occuparono la città ma non riuscirono a riprendersi Gerusalemme.

La quarta crociata viene anche chiamata la crociata dei veneziani, ebbe inizio nel 1202. Dal punto di visto religioso fu un fallimento dal momento che i crociati non arrivarono neanche in Terra Santa, ma fu un grosso vantaggio per la Repubblica di Venezia , che, in cambio di 50 galere offerte per il trasporto dei crociati, chiedeva la metà dei beni conquistati. Lo stesso Doge di Venezia persuase i crociati a muovere verso Costantinopoli. La crociata sfuggì al controllo del Papa e una volta occupata Costantinopoli gli occupanti diedero il via ad un saccheggio indiscriminato compiendo atti violenti anche nei confronti della popolazione.

La quinta crociata partì dall'Europa nel 1217. Si diresse verso l'Egitto da dove sembrava più facile l'ingresso in Palestina. Ma dopo alcuni successi, i crociati furono cacciati dal Sultano d'Egitto. La nuova sconfitta non disarmò i cristiani: la riconquista di Gerusalemme era una priorità assoluta. Nel 1227 Papa Gregorio IX diede l'incarico all'Imperatore Federico II, nipote di Barbarossa, di condurre una grande spedizione in Terra Santa. In seguito ad accordi con il Sultano d'Egitto, l'Imperatore ottenne la restituzione di Gerusalemme e di altre città della Palestina. Ma nel 1244 Gerusalemme cadeva nuovamente nelle mani dei Turchi e i Crociati non riuscirono più a riconquistarla.

Le due ultime crociate furono organizzate rispettivamente nel 1248 e nel 1270 dal re di Francia Luigi IX e si conclusero in maniera disastrosa con la morte dello stesso re.

Se non hai trovato quello che ti interessa, scrivi alla Giò (riassuntidigio@gmail.com) per avere un riassunto fatto per te!

vai al riassunto: oppure al: