ARCHIVIUM
strumenti
per una
educazione
migliore

La Bibbia

La bibbia considerata un testo sacro sia dai cristiani sia dagli ebrei, ma pu essere considerata anche come fonte storica

La Bibbia é un insieme di libri scritti per la maggior parte in ebraico. Costituisce il libro sacro sia per i cristiani che per gli ebrei, in quanto raccoglie la storia del popolo ebraico, scelto da Dio per testimoniare la verità religiosa e preparare la venuta del Messia.

La Bibbia é composta da due parti: l'Antico e il Nuovo Testamento.
L'Antico Testamento raccoglie i libri scritti prima della nascita di Gesù Cristo, libri che trattano la storia del popolo ebraico e della sua alleanza con Dio.
Il Nuovo Testamento é costituito da 27 libri, tutti incentrati sulla figura di Gesù in quanto scritti dopo la sua venuta.

Essi comprendono i quattro Vangeli ( Matteo, Marco, Luca, Giovanni ) le 21 lettere di San Paolo, gli Atti degli Apostoli e l' Apocalisse.

La Bibbia come fonte storica

Gli avvenimenti narrati risalgono agli albori della storia del popolo ebraico e studi archeologici hanno dimostrato un fondo di verità storica malgrado la narrazione sia spesso fantasiosa. Abramo é il primo patriarca, capo politico e religioso; il suo popolo é organizzato in tribù che vivono nell'attuale Palestina. Al primo patriarca segue il figlio Isacco e poi Giacobbe. Tra i figli di Giacobbe si parla di Giuseppe che viene venduto come schiavo in Egitto e diventa vicerè. Egli convince in seguito la tribù di Giacobbe a stabilirsi in Egitto. La permanenza pacifica degli ebrei in Egitto dura 400 anni fino a che un nuovo re, forse Ramses II, li riduce in schiavitù. Ma il popolo ebraico guidato da Mosè, uomo mandato da Dio, attrversa il Mar Rosso e fa ritorno nel Sinai, dove rimane 40 anni e dove Mosè riceve i 10 Comandamenti.

Alla morte di Mosè subentra Giosuè e poi si susseguono i regni di Saul, Davide e Salomone. Alla morte di Salomone si costituisce a nord il Regno d'Israele e a sud il Regno di Giuda con a capo la dinastia di Davide. In seguito alla battaglia di Karkemish nel 605 a.C. gli ebrei cadono sotto il dominio babilonese e il re babilonese Nabucodonosor conquista Gerusalemme nel 587 a.C.. La cattività babilonese termina nel 537 a.C. quando il re persiano Ciro conquista Babilonia e permette agli ebrei di tornare in Palestina.

Se non hai trovato quello che ti interessa, scrivi alla Giò (riassuntidigio@gmail.com) per avere un riassunto fatto per te!

vai al riassunto: oppure al: