ARCHIVIUM
strumenti
per una
educazione
migliore

Odissea Libri XVII – XXI

Odisseo, finalmente approdato a Itaca, pianifica il suo ritorno.

Libro XVII

Odisseo, Telemaco e Eumeo si recano alla reggia. Giunti davanti al palazzo il vecchio cane di Odisseo, Argo, riconosce il padrone e muore. Odisseo entra nel palazzo e Penelope lo invita nella speranza di avere notizie del marito.

Libro XVIII

Odisseo viene deriso da proci.

Libro XIX

Telemaco sottrae tutte le armi ai proci. Odisseo rassicura Penelope che il marito é vivo e sta per tornare.

Intanto la vecchia nutrice Euriclea, incaricata da Penelope di lavare lo sconosciuto, riconosce Odisseo a causa di una ferita sul ginocchio che l'eroe si era procurato molti anni prima.

Libro XX

Durante la notte Odisseo sente il lamento di Penelope che piange il marito e prega Zeus. Il giorno seguente ha inizio il banchetto durante il quale i proci sono più arroganti del solito.

Libro XXI

Penelope propone ai proci la gara con l'arco: chi di loro riuscirà a tendere l'arco di Odisseo e a centrare con una freccia gli anelli di dodici scudi conficcati nella parete, diventerà suo sposo. Nonostante i ripetuti tentativi, nessuno dei proci riesce nell'impresa. Odisseo chiede il permesso di provare e Penelope acconsente. Egli afferra con sicurezza l'arco, lo tende e centra tutti gli anelli.

Se non hai trovato quello che ti interessa, scrivi alla Giò (riassuntidigio@gmail.com) per avere un riassunto fatto per te!

vai al riassunto: oppure al: